R.e.b.u.s. - Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente

 

R.e.b.u.s. è un marchio registrato che attraverso una rete locale di solidarietà coordinata dall'Ufficio Progetti delle Acli provinciali di Verona, organizza il recupero di beni invenduti o inutilizzati (cibo, farmaci, abbigliamento, libri etc) che hanno ancora elevato potere di utilizzo ma non più valore commerciale e, tramite donazione, vengono destinate ad enti di assistenza e beneficenza.

Scarica la presentazione del progetto!

Con il coinvolgimento di istituzioni, enti, associazioni, imprese profit ed imprese sociali e seguendo procedure studiate e definite in collaborazione con l’Ulss 20 di Verona, il progetto si pone come obiettivi di:

  • favorire lo sviluppo di una cittadinanza attiva, responsabile e solidale;
  • sostenere, assistere e favorire il processo di inclusione economica e sociale dei soggetti in condizione di marginalità (immigrati, poveri, anziani...);
  • innovare e integrare la rete dei servizi a sostegno degli stessi soggetti (oltre alla fornitura beni si migliora l'organizzazione e si possono fornire tutti i servizi del sistema Acli, vedi home page);
  • creare un veicolo di informazione e formazione sul consumo consapevole e sul contrasto allo spreco.

attraverso un percorso di equilibrio dinamico:

  • nella costruzione di reti di solidarietà
  • nell’apporto professionale dei vari attori coinvolti
  • nelle sinergie attivate tra istituzioni, imprese profit e non profit

Le aree di intervento delle attività di recupero sono le seguenti:

  • mense scolastiche                                                                                                                    
  • ristorazione organizzata
  • mercato ortofrutticolo
  • grande distribuzione organizzata
  • grossisti di ortofrutta
  • eccedenze della produzione agricola
  • donazioni occasionali di prodotti di vario genere
  • farmacie comunali gestite da Agec e private

 

Ideato nel 2003 dallo staff Carpe Cibum, elaborato lo studio di fattibilità nel 2004 e sperimentato proprio dalle Acli provinciali di Verona, nel 2009 si è trasformato ed evoluto oggi in un progetto autonomo, sostenibile e replicabile, che si fonda su un modello di gestione diffuso grazie alla capillarità del sistema Acli.

Accolto nel corso del 2008 come progetto di iniziativa della Fondazione Cariverona, per il biennio 2008 – 2010, con l’impegno di avviare la progettualità nelle province di competenza , ha ottenuto un contributo anche per lo sviluppo e l’innovazione dalla stessa fondazione.

 

ll progetto, che vede coinvolte circa una settantina tra associazioni ed enti no profit, è attualmente attivo nei seguenti territori:

  • Verona,
  • Vicenza,
  • Bergamo,
  • Mantova,
  • Padova e Rovigo,
  • Belluno
  • Ancona.

e vede tra i donatori: Iper “Le Corti Venete”, Iper “Il Leone”, farmacie gestite da Agec e Farmacia Capri SNC, Verona Mercato, Primo Mattino Baratella, Bergamo Mercati, CIR Food, Iper Coop Virgilio, Alery, Apofruit Soc. Coop. Agricola, Eur.OP Fruit Soc. Coop.

L’intento dell’Ufficio Progetti delle Acli di Verona è quello di rendere autonomi i territori per quanto riguarda la gestione operativa del progetto, garantendo comunque la formazione ed il supporto nella fase di avvio ed il coordinamento generale.

 

 

DATI DEL RECUPERO NEL 2016

Nel 2016 sono stati recuperati 1.346.395,85 chili così ripartiti:

centro agroalimentare   1.022.806 kg
ipermercati   23.917,75 kg
panifici   12.662 kg
organizzazioni di produttori agricoli   266.738 kg                       
produttori agricoli   2.632 kg
mense scolastiche   16.800 kg
centri cottura   840 kg
farmaci   7.552 confezioni

 

Come e chi può aderire al progetto

Leggi la rassegna stampa sul progetto e guarda i servizi tv collegati

 

Per informazioni e contatti: ufficioprogetti@acliverona.it; sede di via Scrimiari 24/A, tel 0459275000 – fax 0455111330